-

Dismorfofobia - fobie

 

 

.

Info su Fobie varie: Dismorfofobia

La caratteristica essenziale del cosiddetto Disturbo di Dismorfismo Corporeo (conosciuto storicamente come dismorfofobia) è la preoccupazione per un difetto nell’aspetto fisico, che può essere totalmente immaginario, oppure, se è presente una reale piccola anomalia fisica, la preoccupazione del soggetto è di gran lunga eccessiva.
Le lamentele riguardano facilmente difetti lievi o immaginari della faccia o della testa, come i capelli più o meno folti, l’acne, rughe, cicatrici, manifestazioni vascolari, pallore o rossore, sudorazione, asimmetrie o sproporzioni del viso, oppure eccessiva peluria. Altre preoccupazioni comuni riguardano la forma, le misure, o qualche altro aspetto di naso, occhi, palpebre, sopracciglia, orecchie, bocca, labbra, denti, mascella, mento, guance o testa. Tuttavia ogni altra parte del corpo può diventare motivo di preoccupazione (per es. i genitali, le mammelle, le natiche, l’addome, le braccia, le mani, i piedi, le gambe, i fianchi, le spalle, la colonna, regioni più estese del corpo o le misure corporee globali, o la corporatura e la massa muscolare). La preoccupazione può riguardare simultaneamente diverse parti del corpo.
La gran parte dei soggetti con questo disturbo sperimentano grave disagio per la loro supposta deformità, descrivendo spesso le loro preoccupazioni come “intensamente dolorose”, “tormentose”, o “devastanti”. I più trovano le loro preoccupazioni difficili da controllare, e fanno pochi o nessun tentativo di resistervi. Come conseguenza, essi spesso passano molte ore al giorno a pensare al loro “difetto” e a come porvi rimedio (talvolta ricorrendo a chirurgia estetica o ad auto-manipolazioni che possono peggiorare la situazione), al punto che questi pensieri possono dominare la loro vita. I sentimenti di vergogna per il proprio “difetto”, possono portare all’evitamento delle situazioni di lavoro, scuola o di contatto sociale.
Questa fobia si osserva principalmente negli adolescenti, di entrambi i sessi ed è strettamente legata alle trasformazioni dell'età puberale. Consiste, come dice la parola, nel timore di non avere una buona forma, un buon aspetto, nella paura insomma di non essere "normali" per quanto riguarda l'estetica del corpo. Se queste fobie riguardano soggetti adulti la cosa è più grave, perché con la fine dell'adolescenza la persona dovrebbe acquisire un senso di fiducia in se stessa tale da consentirle la possibilità di relazionarsi armonicamente con gli altri, senza essere afflitta da complessi di inferiorità legati all'aspetto fisico.

:: Torna all’indice su: le Fobie
:: Le Fobie varie

  
Gli altri disturbi d'ansia
 .
 

.

La fobia sociale è un disturbo alquanto diffuso tra la popolazione.
Secondo alcuni studi la percentuale di persone che ne soffre va dal 3% al 13%. Sempre secondo questi studi sembra che ne soffrano più le donne che gli uomini.
La caratteristica principale di questo disturbo è la paura di agire, di fronte agli altri, in modo imbarazzante o umiliante e di ricevere giudizi negativi.
Questa paura può portare chi ne soffre ad evitare la maggior parte delle situazioni sociali, per la paura di comportarsi in modo “sbagliato” e di venir mal giudicati.
Solitamente le situazioni più temute sono quelle che implicano la necessità di dover fare qualcosa davanti ad altre persone, come ad esempio esporre una relazione o anche solo firmare, telefonare o mangiare; a volte può creare ansia semplicemente entrare in una sala dove ci sono persone già sedute, oppure parlare con un proprio amico.
Le persone che soffrono di fobia sociale temono di apparire ansiose e di mostrarne i “segni”, cioè temono di diventare rosse in volto, di tremare, di balbettare, di sudare, di avere batticuore, oppure di rimanere in silenzio senza riuscire a parlare con gli altri, senza avere la battuta “pronta”.
Infine, accade spesso che chi ne soffre, quando non si trova in una situazione temuta, riconosca come irragionevole la propria paura e tenda, conseguentemente, ad auto accusarsi e rimproverarsi per non riuscire a fare cose che tutti fanno.
Questo disturbo, se non trattato, tende a rimanere stabile e cronico, e spesso può dare luogo ad altri disturbi come la depressione.


:: Le Fobie varie
  
Gli altri disturbi d'ansia
 

 

.

 

                                                           chisiamopsyche.altervista.org  © 2005. Tutti i diritti riservati.
                                                Milowebs

     
Link partner:
Fenomelogia dei serial killer | Smettere di fumare | Spy Software| | Confessioni di adulterio | Spy Shop | Dieta e cancro | Informagiovani-it.com | Ininternet.org | BLOO.it |Egregio Directory| Websearch2006 | la directory aggiungi sito

[Psiche Chi Siamo] [Psiche Dove Andiamo Psiche] [Psiche La nostra Missione] [Psicologia indirizzi] [Link partner] [Disagio-psichico] [Attacchi di Panico] [Sintomi Attacchi di Panico] [Sintomi Attacchi di Panico2] [Diagnosi Attacchi di Panico] [Terapia Attacchi di Panico] [Terapia Attacchi di Panico2] [Ansia] [Sintomi dell'Ansia] [Diagnosi Ansia] [Terapia Ansia] [Fobie specifiche e Fobia Sociale] [Fobie varie] [Fobie varie Dismorfofobia] [Fobie situazionali Claustrofobia] [Disturbo ossessivo compulsivo] [Disturbo ossesivo-compulsivo] [Disturbo Ipocondria] [Disturbo Depressione] [Disturbo Bipolare] [Anoressia-nervosa] [Anoressia-nervosa] [Bulimia-nervosa] [Bulimia-nervosa] [Disturbi della Personalità] [Disturbo paranoide] [Disturbo Schizoide] [Disturbo Schizotipico] [Disturbo borderline] [Disturbo Istrionico] [Disturbo Narcisitico] [Disturbo antisociale] [Disturbo evitante] [Disturbo dipendente] [Disturbo ossessivo compulsivo] [Utilizzo del sito] [Mappa del sito - Psyche]