-

Le Fobie | Disturbi dell’Ansia | indice

 

 

.

Info su Fobie specifiche e Fobie Sociali:

La fobia è una paura marcata e persistente con caratteristiche peculiari:

::
è sproporzionata rispetto al reale pericolo dell’oggetto o della situazione;
:: non può essere controllata con spiegazioni razionali, dimostrazioni e ragionamenti;
:: supera la capacità di controllo volontario che il soggetto è in grado di mettere in atto;
:: produce l’evitamento sistematico della situazione-stimolo temuta;
:: permane per un periodo prolungato di tempo senza risolversi o attenuarsi;
:: comporta un certo grado di disadattamento per l’interessato;
:: l’individuo riconosce che la paura è irragionevole e che non è dovuta ad effettiva pericolosità dell’oggetto, attività o situazione temuta.

La fobia è dunque una paura estrema, irrazionale e sproporzionata per qualcosa che non rappresenta una reale minaccia e con cui gli altri si confrontano senza particolari tormenti psicologici. Chi ne soffre, infatti, è sopraffatto dal terrore all'idea di venire a contatto magari con un animale innocuo come un ragno o una lucertola, o di fronte alla prospettiva di compiere un'azione che lascia indifferenti la maggior parte delle persone (ad esempio, il claustrofobico non riesce a prendere l'ascensore o la metropolitana). Le persone che soffrono di fobie si rendono perfettamente conto dell'irrazionalità di certe reazioni emotive, ma non possono controllarle.

L'ansia da fobia, o "fobica", si esprime con sintomi fisiologici come tachicardia, disturbi gastrici e urinari, nausea, diarrea, senso di soffocamento, rossore, sudorazione eccessiva, tremito e spossatezza. Si sta male e si desidera una cosa sola: fuggire! Scappare, d'altra parte, è una strategia di emergenza. La tendenza ad evitare tutte le situazioni o condizioni che possono essere associate alla paura, sebbene riduca sul momento gli effetti della paura, in realtà costituisce una micidiale trappola: ogni evitamento, infatti, conferma la pericolosità della situazione evitata e prepara l'evitamento successivo (in termini tecnici si dice che ogni evitamento rinforza negativamente la paura).

Tale spirale di progressivi evitamenti produce l'incremento, non solo della sfiducia nelle proprie risorse, ma anche della reazione fobica della persona, al punto da interferire significativamente con la normale routine dell'individuo, con il funzionamento lavorativo o scolastico oppure con le attività o le relazioni sociali. Il disagio diviene così sempre più limitante. Chi ha la fobia dell'aereo può trovarsi, ad esempio, a rinunciare a molte trasferte, e la cosa diventa imbarazzante se è necessario spostarsi per lavoro. Chi è terrorizzato dagli aghi e dalle siringhe può rinunciare a controlli medici necessari o privarsi dell'esperienza di una gravidanza. Chi ha paura dei piccioni non attraversa le piazze e non può godersi un caffè seduto ai tavolini di un bar all'aperto e così via.
 

.

La fobia sociale è un disturbo alquanto diffuso tra la popolazione.
Secondo alcuni studi la percentuale di persone che ne soffre va dal 3% al 13%. Sempre secondo questi studi sembra che ne soffrano più le donne che gli uomini.
La caratteristica principale di questo disturbo è la paura di agire, di fronte agli altri, in modo imbarazzante o umiliante e di ricevere giudizi negativi.
Questa paura può portare chi ne soffre ad evitare la maggior parte delle situazioni sociali, per la paura di comportarsi in modo “sbagliato” e di venir mal giudicati.
Solitamente le situazioni più temute sono quelle che implicano la necessità di dover fare qualcosa davanti ad altre persone, come ad esempio esporre una relazione o anche solo firmare, telefonare o mangiare; a volte può creare ansia semplicemente entrare in una sala dove ci sono persone già sedute, oppure parlare con un proprio amico.
Le persone che soffrono di fobia sociale temono di apparire ansiose e di mostrarne i “segni”, cioè temono di diventare rosse in volto, di tremare, di balbettare, di sudare, di avere batticuore, oppure di rimanere in silenzio senza riuscire a parlare con gli altri, senza avere la battuta “pronta”.
Infine, accade spesso che chi ne soffre, quando non si trova in una situazione temuta, riconosca come irragionevole la propria paura e tenda, conseguentemente, ad auto accusarsi e rimproverarsi per non riuscire a fare cose che tutti fanno.
Questo disturbo, se non trattato, tende a rimanere stabile e cronico, e spesso può dare luogo ad altri disturbi come la depressione.


:: Le Fobie varie
   Gli altri
disturbi d'ansia

 

.

 

                                                           chisiamopsyche.altervista.org  © 2005. Tutti i diritti riservati.
                                                Milowebs

     
Link partner:
Fenomelogia dei serial killer | Smettere di fumare | Spy Software| | Confessioni di adulterio | Spy Shop | Dieta e cancro | Informagiovani-it.com | Ininternet.org | BLOO.it |Egregio Directory| Websearch2006 | la directory aggiungi sito

[Psiche Chi Siamo] [Psiche Dove Andiamo Psiche] [Psiche La nostra Missione] [Psicologia indirizzi] [Link partner] [Disagio-psichico] [Attacchi di Panico] [Sintomi Attacchi di Panico] [Sintomi Attacchi di Panico2] [Diagnosi Attacchi di Panico] [Terapia Attacchi di Panico] [Terapia Attacchi di Panico2] [Ansia] [Sintomi dell'Ansia] [Diagnosi Ansia] [Terapia Ansia] [Fobie specifiche e Fobia Sociale] [Fobie varie] [Fobie varie Dismorfofobia] [Fobie situazionali Claustrofobia] [Disturbo ossessivo compulsivo] [Disturbo ossesivo-compulsivo] [Disturbo Ipocondria] [Disturbo Depressione] [Disturbo Bipolare] [Anoressia-nervosa] [Anoressia-nervosa] [Bulimia-nervosa] [Bulimia-nervosa] [Disturbi della Personalità] [Disturbo paranoide] [Disturbo Schizoide] [Disturbo Schizotipico] [Disturbo borderline] [Disturbo Istrionico] [Disturbo Narcisitico] [Disturbo antisociale] [Disturbo evitante] [Disturbo dipendente] [Disturbo ossessivo compulsivo] [Utilizzo del sito] [Mappa del sito - Psyche]