-

La Depressione nervosa

 

 

.

Depressione

La depressione è un disturbo sicuramente diffuso tra la popolazione generale e quindi molto ben conosciuto.
Sembra, infatti, che ne soffra dal 10% al 15% della popolazione, con una diffusione maggiore tra le donne.
Generalmente chi ne soffre mostra un umore depresso, una marcata tristezza quasi quotidiana e tende a non riuscire più a provare lo stesso piacere nelle attività che provava prima. Le persone che soffrono di depressione, si sentono sempre giù, l’umore ed i pensieri sono sempre negativi. Sembra che presentino un vero e proprio dolore di vivere, che li porta non riuscire a godersi più nulla.

Oltre a questi sintomi primari, normalmente succede che le persone che soffrono di questo disturbo ne presentino altri, quali:
 
:: un appetito aumentato o diminuito;
 :: un aumento o una diminuzione del sonno;
 spesso un marcato rallentamento motorio o, al contrario, una
 :: marcata agitazione;
 :: una marcata affaticabilità;
 :: una ridotta capacità di concentrarsi;
 :: una tendenza molto forte ad incolparsi, a svalutarsi;
 :: pensare al suicidio.

Chi soffre di depressione può soffrirne in modo ACUTO (cioè presenta delle fasi di depressione molto acute ed improvvise, che magari tendono a scomparire da sole o con una terapia) oppure soffrirne costantemente, anche se in forma leggera, con alcuni improvvisi momenti di peggioramento.
Spesso i parenti spronano chi ne soffre a reagire, a sforzarsi. Questo ovviamente in buona fede, senza rendersi conto che ciò tende a far sentire chi ne soffre ancora più in colpa.
L’atteggiamento migliore da tenere è quello di aiutare gradatamente chi ne soffre a riprendere le proprie attività, assumere un'adeguata terapia farmacologica ed intraprendere una psicoterapia cognitivo comportamentale.



 

.

Ipocondria | Descrizione dettagliata

Il Disturbo Depressivo è associato ad una elevata mortalità. Fino al 15% degli individui con un Disturbo Depressivo grave muore per suicidio.
Altri disturbi mentali sono frequentemente presenti contemporaneamente al Disturbo Depressivo (per es., Disturbi Correlati a Sostanze, Disturbo di Panico, Disturbo Ossessivo-Compulsivo, Anoressia Nervosa, Bulimia Nervosa, Disturbo Borderline di Personalità).
Fino al 20%-25% degli individui con certe condizioni mediche generali (per es., diabete, infarto del miocardio, carcinomi, ictus) svilupperanno il Disturbo Depressivo nel corso della loro condizione medica generale. D'altra parte, il trattamento della condizione medica generale è più complesso, e la prognosi è meno favorevole, se è presente il Disturbo Depressivo.
Il Disturbo Depressivo (Singolo o Ricorrente) è due volte più comune nelle femmine adolescenti e adulte che nei maschi adolescenti e adulti. Nei bambini prepuberi, maschi e femmine sono ugualmente affetti. Le frequenze negli uomini e nelle donne sono più elevate nel gruppo di età dai 25 ai 44 anni mentre le frequenze sono più basse sia per gli uomini che per le donne oltre i 65 anni.
Gli studi sul Disturbo Depressivo hanno riportato una vasta gamma di valori riguardo alla proporzione della popolazione adulta affetta dal disturbo. Il rischio nel corso della vita per il Disturbo Depressivo in campioni di comunità varia dal 10% al 25% per le donne, e dal 5% al 12% per gli uomini. Il tasso di malattia sembra non essere in relazione con l'etnia, l'educazione, il reddito o lo stato coniugale.
Il Disturbo Depressivo può esordire ad ogni età, con un'età media di esordio intorno ai 25 anni. Alcuni hanno episodi isolati seguiti da molti anni senza sintomi, mentre altri hanno gruppi di episodi, e altri ancora hanno episodi sempre più frequenti con l'aumentare dell'età. Alcuni dati suggeriscono che i periodi di remissione generalmente durano più a lungo all'inizio del decorso del disturbo. Il numero di episodi precedenti predice la probabilità di sviluppare un successivo Episodio Depressivo.
Gli Episodi del Disturbo Depressivo spesso seguono un grave evento psicosociale stressante, come la morte di una persona cara o il divorzio. Gli studi suggeriscono che gli eventi psicosociali (eventi stressanti) possono giocare un ruolo più significativo nel precipitare il primo o il secondo episodio del Disturbo Depressivo e avere meno importanza per l'esordio degli episodi successivi.

 
:: Torna all’indice: disagio psichico
 

 

.

 

 

                                                           chisiamopsyche.altervista.org  © 2005. Tutti i diritti riservati.
                                                Milowebs

     
Link partner:
Fenomelogia dei serial killer | Smettere di fumare | Spy Software| | Confessioni di adulterio | Spy Shop | Dieta e cancro | Informagiovani-it.com | Ininternet.org | BLOO.it |Egregio Directory| Websearch2006 | la directory aggiungi sito

[Psiche Chi Siamo] [Psiche Dove Andiamo Psiche] [Psiche La nostra Missione] [Psicologia indirizzi] [Link partner] [Disagio-psichico] [Attacchi di Panico] [Sintomi Attacchi di Panico] [Sintomi Attacchi di Panico2] [Diagnosi Attacchi di Panico] [Terapia Attacchi di Panico] [Terapia Attacchi di Panico2] [Ansia] [Sintomi dell'Ansia] [Diagnosi Ansia] [Terapia Ansia] [Fobie specifiche e Fobia Sociale] [Fobie varie] [Fobie varie Dismorfofobia] [Fobie situazionali Claustrofobia] [Disturbo ossessivo compulsivo] [Disturbo ossesivo-compulsivo] [Disturbo Ipocondria] [Disturbo Depressione] [Disturbo Bipolare] [Anoressia-nervosa] [Anoressia-nervosa] [Bulimia-nervosa] [Bulimia-nervosa] [Disturbi della Personalità] [Disturbo paranoide] [Disturbo Schizoide] [Disturbo Schizotipico] [Disturbo borderline] [Disturbo Istrionico] [Disturbo Narcisitico] [Disturbo antisociale] [Disturbo evitante] [Disturbo dipendente] [Disturbo ossessivo compulsivo] [Utilizzo del sito] [Mappa del sito - Psyche]